Image Alt

Impactotraining

Falsi miti. Basta con la scusa della genetica!

Se qualcuno ti ha detto: “non metterai mai massa muscolare perché non sei predisposto”, “non avrai mai la pancia piatta o i glutei sodi perché non è la tua costituzione”, sappi che è una sua opinione.

 

Certo, ogni persona è diversa dall’altra e potresti fare più fatica del tuo vicino di casa nel controllare il peso o incrementare la massa muscolare, ma ricorda: sarai sempre in grado di migliorare e ottenere il tuo massimo applicando le corrette strategie.

 

L’influenza dei geni sulla regolazione del peso è un argomento molto studiato (El-Sayed Moustafa & Froguel, 2014)  e  sappiamo per certo che i geni hanno la loro influenza; un recente studio ha dimostrato che oltre la metà della variazione dell’indice di massa corporea nella popolazione, può essere attribuito a differenze genetiche fra gli individui (Belsky et al., 2012).

Il DNA non segna il nostro destino.

Un tempo si riteneva che il nostro patrimonio genetico fosse stabilito dalla nascita e che nulla potesse cambiarlo nel corso degli anni. Recentemente la ricerca scientifica ha invece dimostrato che pur non alterando la sequenza del DNA, l’espressione dei geni può essere influenzata e regolata in risposta a diversi stimoli, inclusi per esempio i fattori ambientali, lo stress, ciò che mangiamo e persino dalle emozioni (la branca della biologia che studia questi effetti è definita epigenetica).

Un esempio? La percentuale di persone in sovrappeso, ad esempio, è aumentata drasticamente dagli anni ‘60 a oggi, ma i geni non sono cambiati (Prof. Belsky, Università di Duke, USA).

E questo è successo anche in Italia, come rivela l’ISTAT, e ciò è dovuto all’interazione tra i fattori ambientali e la predisposizione genetica all’obesità/adiposità. In particolare, si ritiene che un ruolo chiave lo abbiano giocato i cambiamenti nella dieta e nello stile di vita nel corso degli ultimi tre decenni.

 

In ogni caso anche se hai una predisposizione genetica all’obesità, questa può essere ridotta fino al 30% con l’attività fisica (Kilpelinen et al., 2011).

 

È chiaro che il sovrappeso eccessivo ha spesso cause multifattoriali e non voglio semplificare troppo l’argomento, tuttavia, se hai sperimentato difficoltà a perdere peso anche praticando attività fisica, sappi che non puoi imputare il mancato successo solo alla genetica e dunque darti per vinto.

 

Molte persone evitano di fare anche solo 150 minuti di esercizio a settimana, considerati il minimo dalle linee guida del LARN 2014.

Allenamento e genetica

Se tuttavia ti stai allenando, sei sicuro che lo stai facendo nel modo giusto e alla giusta intensità? Inoltre, chiediti se hai mai cambiato la varietà di esercizio fisico.

Quando si svolgono solo esercizi routinari, il corpo si adegua e non si ottiene la risposta voluta dal metabolismo. Ricordati che il muscolo è più efficiente del grasso in termini di calorie da metabolizzare, quindi assicurati di inserire nel tuo piano di allenamento e esercizi che rafforzano la muscolatura

 

Naturalmente, i benefici dell’esercizio devono essere accompagnati da una dieta sana e bilanciata. Ricorda che mangiare bene non significa mangiare poco o privarsi di macronutrienti (proteine, carboidrati e grassi).

Conclusione? Quello che dicono i nostri geni non è una scusa universale, perché ciascuno di noi ha il potere di controllare le proprie abitudini alimentari, le ore dedicate all’attività fisica e il proprio stile di vita in generale.

 

Le percentuali di individui con una patologia genetica conclamata, verificata e diagnosticata con test e analisi, che non gli permette oggettivamente un miglioramento o un controllo della massa muscolare o della massa corporea in generale, rappresentano un numero limitato, e in ogni caso esistono cure specifiche.

Questo articolo è tratto dal mio libro Impacto Training, 20 minuti al giorno, risultati in  8 settimane”  che puoi trovare anche qui sul sito. 

[product id=”4246″]

 

A cura di Fabio INKA © Riproduzione riservata.

Fabio Inka, preparatore atletico, è il creatore di IMPACTO TRAINING (wwww.impactotraining.com). Ha conseguito due lauree, in Scienze Motorie e in Scienze della Comunicazione ed è Life e Sport coach certificato.

Impacto Training è un programma di allenamento ad alta intensità che accelera il metabolismo e consente di consumare grassi e calorie non solo durante l’allenamento, ma anche nelle 48 ore successive. Migliora forza ed efficienza muscolare senza “gonfiare” i muscoli; aumenta coordinazione, equilibrio e flessibilità. È anche un eccellente sostituto dell’attività aerobica tradizionale per incrementare la resistenza cardiovascolare.

NIENTE SCUSE

Il suo libro “Impacto Training, 20 minuti al giorno risultati in 8 settimane” (Edizioni Mediterranee), è una  guida pratica (con 33 video tutorial) per ottenere risultati in maniera rapida ed efficace in solo  20 minuti di allenamento che puoi fare dove vuoi, quando vuoi. Non devi essere già allenato per cominciare e non  hai bisogno di alcun attrezzo, né di molto spazio: bastano pochi metri quadrati.

 

 

 

ADD COMMENT