page contents
Image Alt

Impactotraining

Bici elettrica. Pedalare con un piccolo aiuto porta grandi benefici

Questo articolo è stato realizzato grazie a XPBIKES

Utilizzare la bici elettrica è facile, conveniente, salutare, e divertente.  La bicicletta elettrica è non solo supporto, ma anche mezzo specifico di allenamento per atleti di alto livello o persone con un buon livello generale di allenamento che vogliono cimentarsi in imprese più estreme che non potrebbero affrontare con una bici normale.

Uso da anni e regolarmente la bici elettrica per i miei spostamenti a Roma, città non facile per i ciclisti, e sono ogni giorno divento sempre di più suo attento fan e sostenitore

Il cliché della bici elettrica utile solo per signore o per sportivi della domenica pigri è definitivamente superato guardando ai nuovi modelli costruite con materiali innovativi e assolutamente performanti.

I principali vantaggi della bici elettrica

Dal punto di vista della salute i principali vantaggi riguardano:

  • CUORE

    Il cuore e il primo muscolo a trarre benefici dall’attività in bicicletta: diventa più forte e resistente alla fatica.  Aumentando infatti l’elasticità delle pareti delle vene e delle arterie , si permette al muscolo cardiaco di lavorare meno a parità di intensità di esercizio. In queste condizioni il cuore, e non solo quello degli atleti, subisce modificazioni aumentando la propria massa e migliorando la sua funzione di pompa, ottimizza il consumo di ossigeno e riduce la frequenza. Il tutto provoca anche un benefico influsso, nel senso di una sua riduzione, sulla pressione arteriosa. Da ricordare inoltre che la bicicletta, migliorando il metabolismo dei glucidi e dei lipidi e riducendo appunto la pressione arteriosa, combatte i principali fattori di rischio cardiovascolare diventando di fatto un anti-ipertensivo naturale.

 

  • POLMONI

    La bicicletta incrementa la capacità respiratoria. Pedalando, infatti, non vengono tonificati solo i muscoli dell’apparato locomotore ma anche quelli intercostali e, nelle escursioni respiratorie che crescono progressivamente in profondità, aumentano la capacità polmonare e la funzionalità dei bronchi. Innegabili quindi i vantaggi per tutti, ma soprattutto per persone di una certa età, con deficit  respiratori o con malattie  polmonari.

 

  • APPARATO SCHELETRICO

     Miglioramento della densità ossea e produzione di collagene osseo. Andare in bici influisce efficacemente nella prevenzione e cura  dell’osteoporosi.

 

  • MASSA GRASSA

    Diminuzione del grasso corporeo: la bicicletta assistita permette di mantenere un ritmo costante, premessa fondamentale per attivare la lipolisi (utilizzo dei grassi a scopo energetico). Il range ottimale da mantenere è tra il 70 e l’80%  del massimale teorico (220 meno la nostra età) quindi basta  uno sforzo leggero ma protratto per minimo 25 minuti per ottenere un efficace dimagrimento. Per monitorare i battiti e sufficiente  indossare un semplice cardiofrequenzimetro da polso, oppure basta ricordarsi che l’intensità giusta è quella che permette di chiacchierare o anche canticchiare mentre si pedala. Quante calorie? Difficile stabilirlo con esattezza, perché questo valore dipende dall’età, dal peso, dal grado di allenamento  e da come è distribuito il grasso. In generale, si può calcolare che, in un’ora di attività, si bruciano da un minimo di 375 calorie fino a un massimo di 1100.

 

  • CELLULITE

    pedalare migliora la circolazione linfatica e venosa nei distretti inferiori, vascolarizzando i tessuti, contrastando e prevenendo ristagno di liquidi, dunque la  cellulite e le  adiposità localizzate. L’esercizio aerobico in bici  svolge un’azione di drenaggio, favorendo l’eliminazione di liquidi e tossine accumulati nei tessuti cellulitici. Gli inestetismi di questo tipo non si evitano con qualche passeggiata sporadica  in più, ma con attività basata sulla regolarità e la continuità dello sforzo muscolare, seppur a bassa intensità. I depositi di grasso che si localizzano su fianchi, glutei e cosce possono essere contrastati  attraverso attività aerobiche ad un battito costante (come spiegato sopra) 3/4 volte a  settimana.

 

  • MUSCOLI

    Contrariamente a quanto si pensa,  nel ciclismo vengono coinvolte anche le braccia e gli addominali. Le prime in modo lieve, perché i muscoli devono solo sopportare la tensione della guida e le vibrazioni del manubrio. Gli addominali, invece, lavorano già intensamente perché, mentre pedali, si contraggono per mantenerti in posizione sulla bici e, soprattutto, per bilanciare la contrazione muscolare cui è soggetta la schiena.

 

  • ARTICOLAZIONI

    Articolazioni protette. La bicicletta assistita permette di svolgere esercizio fisico a basso impatto. Si può iniziare in maniera graduale lasciandosi aiutare dal motore, e aumentare progressivamente lo  sforzo quando il  livello di allenamento è aumentato. Questo permette alle articolazioni di non subire stress eccessivi e lasciare il tempo a muscoli, tendini e articolazioni di adattarsi progressivamente agli stimoli.

 

  • ELISIR DI GIOVINEZZA

    Uno degli  studi più importanti condotti sui  benefici alla salute derivanti dall’uso della bicicletta è stato realizzato dal Copenhagen Center Prospective Population Studies. Questo studio ha messo in evidenza,  come coloro che utilizzavano la bicicletta come mezzo di trasporto miglioravano le loro aspettative di vita del 29% rispetto a coloro i quali utilizzavano la macchina.

 

  • MENTE

    Anche il benessere psichico subisce un miglioramento con l’uso costante della bicicletta. Pedalare libera endorfine, sostanze chimiche prodotte dal cervello, che hanno proprietà analgesiche  e ansiolitiche, intervenendo nella regolazione del tono dell’umore e provocando un blando effetto euforizzante. Chi va in bicicletta, inoltre, mette in movimento tutto il corpo e l’impegno fisico che ne deriva obbliga alla concentrazione, liberando così la mente da pensieri e tensioni accumulati al lavoro e in famiglia.

 

La pedalata assistita diventa dunque non solo un’ottima alternativa alla macchina, perchè elimina la maggior parte delle obiezioni tipiche delle bici tradizionali : sono fuori forma, non voglio sudare, ci metto troppo tempo, non ce la faccio; ma anche e  un ottimo mezzo di allenamento grazie alle grandi performance che si possono ottenere pedalando…con un piccolo aiuto.

Caratteristiche della bici elettrica

La bicicletta a pedalata assistita (o bicicletta elettrica) è una bici alla cui azione propulsiva umana si aggiunge quella di un motore elettrico. La bicicletta a pedalata assistita è molto silenziosa e assicura almeno 50 km di autonomia.  Naturalmente l’autonomia si intende con l’ausilio del motore, senza è teoricamente infinita o meglio si spinge fino a dove arrivano le gambe del ciclista.

Un ciclo di ricarica completo per una batteria scarica varia da 5 a 8 ore dipendendo dalla batteria utilizzata. Un “pieno” di batteria costa attorno a 0,20 euro ed e possibile effettuare la ricarica anche lontano dalla bici collegando  il box batteria  ad una qualsiasi presa di corrente a 220V.

La velocità massima raggiungibile con il contributo del motore elettrico  è di 25 km/h, dopo di che il motore si disconnette automaticamente, come previsto dalle normative vigenti. Velocità maggiori possono essere agevolmente raggiunte grazie all’energia muscolare fornita dal ciclista che si aggiunge a quella del motore.

 

Considerando che nel traffico cittadino  la velocità media non supera i 15 Km/h una bicicletta si può muove più rapidamente di una macchina o dei mezzi pubblici.Per gli spostamenti su distanze tra i 7 e i 12 km in aree urbane si impiega  più o meno lo stesso tempo rispetto ad una macchina. Grazie al supporto meccanico nella pedalata si può arrivare al lavoro senza faticare e dunque sudare, in caso di pioggia si può utilizzare l’apposita mantellina in dotazione che permette di rimanere asciutti anche in caso di pioggia moderata.

 

Ma attenzione, la bici elettrica non è utile solo in città, esistono modelli sportivi tipo mountain bike che permettono performance eccezionali in percorsi sterrati, passi di montagna e soprattutto salite, anche molto ripide. Questo tipo di modelli sono molto attraenti per gli sportivi o amatori anche molto allenati  ed esigenti.

ADD COMMENT