page contents
Image Alt

Impactotraining

È vero che i carboidrati la sera fanno ingrassare? Sfatiamo un mito

Quante volte vi sarà  capitato di sentire che è meglio non mangiare i carboidrati a cena, che i carboidrati a cena fanno ingrassare, oppure niente carboidrati dopo le 18:00 !!.

Sfatiamo questo mito, o meglio cerchiamo di capire perché non può essere considerata una regola assoluta valida sempre e per tutti.

Chi sono i carboidrati?

Innanzitutto, è bene precisare che i carboidrati rappresentano la principale fonte di energia del nostro organismo, sono uno dei tre macronutrienti da inserire quotidianamente nella nostra alimentazione. Le linee guida redatte dall’INRAN (Istituto Nazionale di ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione) ci consigliano di assumere, per una sana alimentazione, circa il 50-55% delle calorie quotidiane con l’introduzione di carboidrati dei quali almeno tre quarti sotto forma di complessi e la quota restante sotto forma di semplici .

[product id=”4246″]

 

CARBOIDRATI SEMPLICI:

Velocità  di assorbimento elevata

CARBOIDRATI COMPLESSI:

velocità  di assorbimento bassa

Perché assumere dei carboidrati a cena?

Ecco alcuni buoni motivi per i quali i carboidrati possono essere assunti anche a cena:

  • se vi siete allenati nel pomeriggio o  tardo pomeriggio, assumerne la giusta quantità a cena vi aiuterà  a ripristinare le scorte di glicogeno consumate durante l’allenamento e questo vi permetterà  principalmente di avere un buon recupero e di non dar modo agli zuccheri di depositarsi sotto forma di trigliceridi;
  • avete problemi di insonnia o avete difficoltà  ad addormentarvi? A cena potrebbero aiutarvi a migliorare  la qualità  del vostro riposo grazie a un induzione dell’aumento di serotonina (ormone del benessere) dato dai carboidrati complessi (cereali e tuberi) che contengono l’amminoacido essenziale Triptofano, precursore appunto della serotonina.
  • influiscono notevolmente sulla produzione di alcuni ormoni tra cui: leptina (ormone importante per il dimagrimento), grelina (ormone della fame), adiponectina (ormone prodotto dal tessuto adiposo e rientra nel metabolismo dei grassi) e alcuni studi clinici dimostrano che mangiarli anche a cena comporti un miglioramento delle curve giornaliere di tali ormoni coinvolti nella comparsa di patologie correlate alla sindrome metabolica, migliorando anche il senso di sazietà  dell’individuo;

 

Un fattore importante e determinante per capire quando e quanti inserirne durante la giornata è l’orario in cui vi allenate. Ovviamente il tipo di allenamento svolto; vi ricordo che subito dopo l’allenamento si assiste ad una maggiore sensibilità  all’insulina da parte delle cellule del nostro corpo, ed è proprio questo il momento ideale per assumere gli zuccheri.

Tieni a mente che le scelte alimentari migliori sono quelle personalizzate alle tue esigenze e non esistono regole assolute valide per tutti.

Leggi altre ricette

A cura di Fabio Inka in collaborazione con la Dott.ssa Eleonora Ambrosini  Riproduzione riservata.

 

+

ADD COMMENT