page contents
Image Alt

Impactotraining

TABATA TRAINING? UN PROTOCOLLO VECCHIO DI 40 ANNI

A cura di Fabio INKA © Riproduzione riservata.

(articolo estratto dal libro “Impacto Training, 20 minuti al giorno risultati in 8 settimane”)

 

Spesso nel fitness, salgono alla ribalta protocolli che sembrano nuovi, ma in realtà già noti da parecchio tempo.

Un esempio? Il PILATES che è stato sviluppato nei primi del ‘900.

L’ALLENAMENTO FUNZIONALE è, nella sua espressione metodologica, la variante di un sistema di allenamento molto noto: Il Circuit Training, inventato da due professori inglesi nel 1956.

Il TABATA TRAINING , ( che rientra nella categoria INTERVAL TRAINING (IT) è del 1996.

Nulla di male in tutto ciò: l’importante è ricordarsi che i principi fisiologici e anatomici non si possono inventare.

Il Tabata è  una versione di Interval Training molto popolare, che si basa sul lavoro scientifico del Prof. Izumi Tabata (1996).

Consiste nell’alternare 20 secondi  di esercizio al 170 % del VO2max con  10 secondi di recupero. Prevede livelli di fatica massimale (punteggio 19 e 20 sulla Scala RPEdi Borg)  e un battito cardiaco vicino ai valori massimali (100 %fcmax) e recuperi molto brevi.

Il protocollo originale  ha una durata di   4 minuti e nasce come protocollo cardiovascoalre, prevedendo uno sprint ad alta intensità.

E’  un tipo di allenamento molto avanzato riservato ad atleti esperti.

I principianti preferibilmente dovrebbero  iniziare ad allenarsi con l’interval training leggero e gradualmente aumentare per riuscire ad esprimere questi livelli di intensità.  Sebbene venga generalmente incluso nella categoria High Intensity Interval Training, il Tabata Training differisce  dall’ HIIT proposto in ambito fitness per le intensità di picco più elevate (8 picchi), la durata dello sprint mediamente inferiore, il recupero più breve, il recupero passivo piuttosto che attivo, e soprattutto una durata totale dell’allenamento fino a 10 volte inferiore  a un HIIT. ( HIIT   ha durata dai 10 ai 40 minuti, Tabata 4 minuti)

Alcuni professionisti del fitness e ricerche recenti hanno però iniziato a proporre il Tabata come metodo da applicare all’esercizio coi pesi oppure con Kettelbell, altri attrezzi e/o esercizi pliometrici (metodo a dominante organica-muscolare).

La prestazione consisterebbe nell’eseguire esercizi multiarticolari ad alta sinergia ai pesi liberi con carichi bassi per 20 secondi alla massima velocità possibile, con intervalli di 10 secondi di riposo in un ciclo della durata di 4 minuti. Si tratterebbe quindi di una modalità che trova delle analogie con l’allenamento di potenza con sovraccarichi, tranne per il fatto che le pause sono minime e la durata totale dell’allenamento è molto inferiore. In questa variante del Tabata possono essere introdotti una grande varietà di esercizi.La prestazione consisterebbe nell’eseguire esercizi multiarticolari ad alta sinergia ai pesi liberi con carichi bassi per 20 secondi alla massima velocità possibile, intervallandoli a 10 secondi di riposo in un ciclo della durata di 4 minuti. Si tratterebbe quindi di una modalità che trova delle analogie con l’allenamento di potenza con sovraccarichi, tranne per il fatto che le pause sono minime e la durata totale dell’allenamento è molto inferiore. In questa variante del Tabata possono essere introdotti una grande varietà di esercizi.

ADD COMMENT